CoeLux, il cielo in una stanza

By agosto 3, 2018technology

Questa è una tecnologia che può cambiare la vita a molte persone perché la qualità della luce naturale, sul nostro umore e sulla nostra salute, fino ad ora non aveva rivali.

I sistemi d’illuminazione CoeLux riproducono l’effeto della luce naturale del sole, entrando attraverso un’apertura nel soffitto, con un sole realistico percepito ad una distanza infinita circondato da un cielo cristallino. Questo risultato straordinario è ottenuto grazie ad un lavoro comprensivo da parte di un team interdisciplinario di ricercatori nei campi della fisica ottica, dei modelli numerici, della chimica, delle scienze materiali, dell’architettura e del design.

I dispositivi di CoeLux sono molto più di lampade luminose. L’azienda “ricrea lo stesso processo scientifico che fa apparire il cielo blu”, afferma il fondatore e fisico Paolo Di Trapani. “Abbiamo costruito il sole.”

CoeLux simula le stesse particelle di ossigeno, azoto e CO2 presenti nell’aria e virtualmente “comprime l’atmosfera” da 10 chilometri a pochi millimetri, creando un solido, piuttosto che gas o liquido. Proprio come gli ascensori hanno permesso la costruzione di grattacieli e l’aria condizionata ha permesso di ampliare gli edifici, Di Trapani crede che CoeLux potrebbe consentire la creazione di “groundscrapers” o edifici che si estendono per centinaia di metri sottoterra, ma che non diano l’impression di essere in un luogo buio e profondo.

Dopo un’ora in una stanza senza luci, illuminata con il loro sistema, l’indice di performance, il grado di benessere di motivazione e di concentrazione, è del 30% superior ripsetto ad un’illuminazione tradizionale. In ambito sanitario viene ridotto notevolmente l’ansia e lo stress, ed è in atto uno studio per misurare l’effetto terapeutico che può avere.

COME FUNZIONA ESATTAMENTE?

Lo scattering di Rayleigh è lo scattering elastico (o diffusione) di un’onda luminosa provocato da particelle piccole rispetto alla lunghezza d’onda dell’onda stessa, che avviene quando la luce attraversa un mezzo sostanzialmente trasparente, soprattutto gas e liquidi.

La luce che proviene dal sole è composta da un maggior numero di fotoni nel blu piuttosto che nel viola. Il colore “celeste” che noi vediamo deriva quindi dalla sovrapposizione (una “media pesata”) dei colori che ci arrivano dal cielo, soprattutto viola, blu e, in parte minore, verde, ed è il motivo principale per cui il cielo appare di colore azzurro. (Wikipedia)